Blog

Bonus Sicurezza: un investimento protettivo per la tua Casa

bonus sicurezza

Il Bonus Sicurezza rappresenta un’opportunità unica per garantire la protezione del proprio patrimonio abitativo. Con una detrazione del 50% su spese fino a 96.000 euro, questa agevolazione fiscale offre un incentivo significativo per l’installazione o la rifunzionalizzazione di sistemi di sicurezza avanzati. In questo articolo, esploreremo i dettagli del Bonus Sicurezza, i beneficiari idonei e le spese ammissibili, fornendo una guida completa su come sfruttare al meglio questa opportunità.

1. Bonus Sicurezza: di Cosa si Tratta?

Il Bonus Sicurezza è una detrazione del 50% su spese massime di 96.000 euro sostenute per installare o migliorare gli impianti di sicurezza in una casa. Questo include allarmi, citofoni, saracinesche, porte blindate e sistemi antintrusione. La detrazione viene ripartita in 10 quote annuali, offrendo un ampio periodo di vantaggio fiscale.

2. Chi Sono i Beneficiari?

Il Bonus Sicurezza può essere richiesto da tutti i contribuenti soggetti al pagamento dell’IRPEF, senza limiti di reddito. Questo include non solo i proprietari o i titolari di diritti reali sugli immobili, ma anche gli inquilini o i comodatari. In particolare, sono inclusi nella lista di coloro che hanno diritto alla detrazione proprietari, titolari di diritti reali, inquilini, soci di cooperative e imprenditori individuali.

3. Modalità di Richiesta e Fruizione del Bonus Sicurezza:

La richiesta del Bonus Sicurezza è semplice e senza necessità di specifiche istanze. La detrazione si ottiene in fase di dichiarazione dei redditi, utilizzando il modello 730 o il modello Redditi persone fisiche. La detrazione viene suddivisa in 10 quote annuali di pari importo, e la dichiarazione può essere presentata autonomamente o con l’assistenza di un consulente fiscale o di un CAF.

4. Spese Ammesse nel Bonus Sicurezza:

Le spese ammissibili nel Bonus Sicurezza comprendono una vasta gamma di interventi volti a migliorare la sicurezza dell’immobile. Questi includono il rafforzamento di cancellate e recinzioni, l’apposizione di grate sulle finestre, l’installazione di porte blindate, serrature avanzate, rilevatori di apertura e di effrazione, saracinesche, tapparelle metalliche e molto altro. È importante notare che solo le spese sostenute direttamente sull’immobile sono eleggibili per la detrazione.

Il Bonus Sicurezza si presenta come un’opportunità da non perdere per coloro che desiderano garantire la sicurezza della propria abitazione. Con beneficiari che vanno dai proprietari agli inquilini, e spese ammissibili che coprono una vasta gamma di interventi, questo incentivo fiscale offre un valido sostegno nella creazione di ambienti più sicuri. Non aspettare, proteggi la tua casa e approfitta del Bonus Sicurezza entro il 31 dicembre 2024.

Contattaci per un preventivo gratuito